biografia - Emiliano Emi VernizziBIOGRAFIA

Riconosciuto come musicista trasversale tra tradizione e modernità, apprezzato solista ed improvvisatore, coinvolto attivamente in svariati progetti originali contraddistinti dal termine “contaminazione”.

Emiliano “Emi” Vernizzi è sassofonista del pluripremiato gruppo transatlantico (US/IT) Pericopes; membro della band americana di Izzy Zaidman; co-fondatore del progetto BlueMoka che vede ospite il trombettista Fabrizio Bosso; collaborazioni decennali con Gianni Cazzola e parallelamente con il 5etto di BeppeDiBenedetto; svolge dal 2000 attività in veste di freelance (Bobby Durham, Marco Tamburini, Tommy Campbell,…) e come 1°tenore in prestigiose big-band (guest: Eddie Daniels, David Raksin, David Liebman, David Murray, Evan Parker, Max Roach, Bobby Watson, Paolo Fresu, Enrico Rava, Hengel Gualdi, Tullio DePiscopo,…).

Il suo contributo alla scena musicale contemporanea va al di là dell’Italia – Parma, città in cui è cresciuto – grazie a residenze più o meno lunghe a NewYork, partecipazioni a festival e prestigiosi club con decine di tour in tutta Europa e USA, produzione/composizione/arrangiamento di musica originale, incisioni discografiche, attività didattica. Un background musicale variegato gli consente di spaziare nel funk/hip-hop, american roots, collaborando con artisti pop/rock di caratura nazionale (Ligabue, Negramaro, Mario Biondi,…), sonorizzazioni, spettacoli teatrali (Lucia Vasini, Jack Hirschman,…) e partecipazioni nel mondo dell’entertainment (Jerry Calà, Smaila, Platinette,…)  CONTINUA . . .

↓ Click per VERSIONE ESTESA

biografia - Emiliano Emi VernizziRiconosciuto come musicista trasversale tra tradizione e modernità, apprezzato solista ed improvvisatore, coinvolto attivamente in svariati progetti originali contraddistinti dal termine “contaminazione”. Emiliano “Emi” Vernizzi è un sassofonista rappresentativo della scena musicale contemporanea. Il suo contributo va al di là dell’Italia – Parma, città in cui è cresciuto – grazie a residenze più o meno lunghe a NewYork, partecipazioni a festival e prestigiosi club con decine di tour in tutta Europa e USA, produzione/composizione/arrangiamento di musica originale, incisioni discografiche, attività didattica. Il suo variegato background musicale lo porta ad esplorare diversi idiomi, in primis il mainstream del jazz, american roots, rock, funk e hip-hop, pop music, fino alle correnti più sperimentali ed avant-guarde.

 

Co-leader del pluripremiato gruppo transatlantico (US/IT) Pericopes, vincitori assoluti del prestigioso premio Padova Carrarese indetto dalla rivista MusicaJazz e del contest di Umbria Jazz, segnalati al TopJazz 2012 come tra i migliori nuovi talenti della scena jazz italiana, cinque album all’attivo tra cui “These Human Beings” – presentato da Dave Liebman ed Enrico Rava – viene riconosciuto dalla critica internazionale (DownBeat, AllAboutJazz, Jazziz, MusicaJazz,…) e seguito da altrettanti tour in USA ed Europa (UK, Olanda, Germania, Austria, Rep.Ceca, Francia, Svizzera, Italia, Slovenia).

Dal 2011 Emi è membro della band americana di Izzy Zaidman; quattro album e numerosi tour negli States (Alabama, California, Colorado, Connecticut, Florida, Georgia, Illinois, Indiana, Iowa, Kansas, Kentucky, Louisiana, Maryland, Massachusetts, Missisippi, Missouri, Nebraska, Nevada, New Jersey, New York, North Carolina, Ohio, Pennsylvania, South Carolina, Tennessee, Utah, Virginia, West Virgina, Wyoming) ed Europa (Svizzera, Olanda, Belgio, Germania, Italia).

In Italia è co-fondatore del neo quartetto BlueMoka, che vede ospite il trombettista Fabrizio Bosso, oltre ad un decennale sodalizio con Gianni Cazzola (tra cui il BlakeyLegacy) e parallelamente con il 5etto di BeppeDiBenedetto con il quale incide due album.

Nel 2015 inizia la collaborazione con il cantante Luciano Ligabue battezzata dopo la partecipazione al concerto titanico di Campovolo (150.000 spettatori) in veste di ospite, e proseguita successivamente dalla registrazione del nuovo album ed il tour del 2017.

 

biografia - Emiliano Emi VernizziHa militato per molti anni nella Jazz Art Orchestra in veste di 1°tenore, rinomata big-band diretta da Carlo Gelmini (ospiti Massimo Manzi, Christian Mayer, Ellade Bandini, Michael Rosen, Mauro Negri, Fabrizio Bosso, Tullio de Piscopo, Roberto Gatto, Walter Calloni, Emanuele Urso) partecipando a diversi festival.

Gli esordi di Emiliano cominciano agli inizi degli anni ’90 tra varie band di cover, rhythm ‘n blues e original. L’avvicinamento al jazz sarà poi la strada di tutto il suo percorso formativo, avvenuto simultaneamente nel circuito di Milano e Bologna per mezzo di corsi, insegnanti privati, jam, workshop, e situazioni lavorative come freelance.

Prenderà parte alla Civica Jazz Band del M°Enrico Intra all’interno dei Civici Corsi di Jazz di Milano, un’esperienza che gli permetterà di partecipare a festival in Italia e all’estero con ospiti del calibro di Eddie Daniels, David Raksin, David Liebman, Max Roach, Bobby Watson, David Murray, Paolo Fresu, Enrico Rava, James Newton, Evan Parker, Franco Ambrosetti, Gianluigi Trovesi, Antonio Farao, Enrico Pieranunzi, ed altri ancora. Il progetto si concretizzerà nel disco “Italian Jazz Graffiti” (Soul Note – 2001).

Nel 2000 Emi viene premiato al Concorso Nazionale Giovani Jazzisti di Verbania nella categoria “nuovi talenti”, e nello stesso anno comincia la collaborazione con Rossano Sportiello e la dixieland band Sidela Stompers di Milano.

L’anno successivo iniziano gli appuntamenti settimanali al Chet Baker di Bologna con la Reunion Big Band di Marco Tamburini. Nel frattempo si sviluppano varie formazioni di musica originale (fusion, cross-over, rap) e la concretizzazione del progetto Taphros, viaggio sonoro del chitarrista sardo Valentino Tamponi con il quale incide due album tra cui l’omonimo d’esordio presentato da Paolo Fresu.

Si consacra poi l’incontro con Roberto Bonati all’interno dei corsi di jazz del conservatorio di Parma, da cui partiranno una serie di appuntamenti musicali e concerti che lo vedranno coinvolto in veste di arrangiatore e performer, permettendogli di approfondire la musica jazz di estrazione europea. Il ParmaJazzFrontiere festival sarà una piattaforma di lavoro formativa oltre che l’occasione di partecipare ad ensemble a fianco di Roberto Dani, Roberto Ottaviano, Claudio Fasoli, Alberto Tacchini, Alberto Mandarini, Gianluigi Trovesi, Bruno Tommaso, Giorgio Gaslini. Il percorso di perfezionamento proseguirà ulteriormente a NewYork negli anni a seguire.

Indipendentemente da progetti più o meno consolidati, le partecipazioni di Emiliano diventano sempre più molteplici: Bobby Durham, Franco Cerri, Stefano Cerri, Paul Jeffrey, Tommy Campbell, Yuri Goloubev, Felice DelGaudio, Tullio Ricci, Giovanni Amato, Flavio Boltro, Antonio Zambrini, Alberto Tacchini, Roberto Rossi, Piero Odorici, Mauro Ottolini, Carlo Atti, Max Govoni, Tony Arco, Lucio Terzano, Marco Vaggi, Paolo Pellegatti, Davide Ghidoni, Andrea Tofanelli, Roberto Tarenzi, Paolo Benedettini, Alberto Gurrisi, Iren Robbins, Sandro Gibellini, Emanuele Basentini, Max Furian, James Thompson, Carl Potter, Tony Esposito, per citarne alcuni.

Tribute band e svariati organici straight-ahead si alterneranno ad altri interessanti capitoli creativi tra i quali B-sharp, bizzarro risultato di improvvisazione/jazz/pop/elettronica che si avvale di un collettivo di musicisti; Cuckoo’s Nest Trio, uno laboratorio piano/chitarra/sax di avant-garde, free ed elettronica; Altare Thotemico sarà invece il rilancio di un fortunato progetto jazz-prog rinnovato ora dall’ingresso di Vernizzi e Max Govoni. Il disco è subito primo in classifica in Germania e la band paragonata dalla critica ai nuovi Area.

 

 

 

biografia - Emiliano Emi Vernizzi biografia - Emiliano Emi Vernizzi - Umbria Jazz biografia - Emiliano Emi Vernizzi - Conservatorio A.Boito biografia - Emiliano Emi Vernizzi - Valerio Carboni biografia - Emiliano Emi Vernizzi - Dave Liebman
ALTRE COLLABORAZIONI

Mangala Vallis e Bernardo Lanzetti (PFM). CB Band (Hengel Gualdi, Alexia, Gato Panceri, Matteo Setti, Iskra. Album produzione Nomadi). Bravo (Jerry Calà, Umberto Smaila, Dario Ballantini, Corrado Tedeschi, Gaspare e Zuzzurro, Natasha Stefanenko). Freatlones (Ronnie Jones). Jazz Art Orchestra (Gianluca Grignani, Enrico Ruggieri, Negramaro, Le Vibrazioni, Saturnino, Concato, New Trools). Novecento (Gianni Bella, Joyce Yuille, Fiorellino, Platinette, Andrea Salvini – Michele Pertusi). Negramaro studio session 2007. Mario Biondi. Little Taver (Platinette, Aldo Piazza). Duke Ellington Trio. Roberta di Mario. Kikkombo.

 

 

FESTIVALS

Midpoint Music Fest. (Cincinnati, USA), Summer Jazz (San Francisco, USA), Moonrunner (Chicago, USA), Gateshead Jazz Festival (Newcastle, UK), Umbria Jazz, Stresa Jazz, Estival Jazz (Svizzera), Sound Scotland (UK), 5 festival (Prague, CZ), festival di Biel-Bienne (Svizzera), Pas Grave Festival (Parigi), Sjoks fest. (Olanda), Burg Jazz (Germania), Iseo Jazz, Villa Celimontana, ParmaJazzFrontiere, Summer Jamboree, JazzIt, Terresenesi Jazz, Arezzo Jazz, Volterra Jazz, Padova Jazz, Taphros Festival, Jazz al Piccolo di Milano (Teatro Strehler, Grassi, Studio), Ah-Um jazz fest, E’ GrandEstate, Premio Lunezia, Moncalieri Jazz fest, Musicartz, Sweet and Soul Festival, Squinterno, Parma Poesia fest, Controtempo, Volks’n roll, Muntagnin Jazz fest, Laigueglia Jazz, Lucchini day, Monfalcone music fest, “Al chiaro di Luna” (XV ed), Oltretorrente Jazz Meeeting, TerreVerdiane Jazz fest, Valdarno Jazz, Saint Bartholomew’s, Mundus, Berbenno Jazz, Sanremo Rock, ed altri.

 

 

PROGETTI TEATRALI/CULTURALI

Lucia Vasini, Jack Hirschman, Rosana Crispim e Nelson Machado, Tita Ruggeri, ass. A.L.T.A. (spettacoli su Carducci, D’Annunzio/Duse, Futurismo – anteprima al Vittoriale nel 2009), Federica Bognetti (Bar Blues). Realizzazione musicale di “Elegia per una Signora” di Arthur Miller, in scena al Teatro del Tempo di Parma (2002). Nel 2009 è collaboratore del progetto sociale “Life Collection” (regia: Nicola Artico) all’interno del reparto di oncoematologia pediatrica di Parma.

 

 

PRODUZIONI MEDIA

Produzione musiche per il DVD “Pagani Zonda” uscito per la rivista giapponese “Rosso” (70.000 copie) e americana “Motor & Life” (presentato nel 2006 al salone del Lusso di Verona e di Ginevra).

Collabora con F.Montisano a produzione musiche per RaiTrade (2009-2010) e per il programma radiofonico “Strada Facendo” (edizioni 2005-06-07 di Pino d’Angiò e Savino Bonito) in onda su RAI Radio Uno.

Colonna sonora originale del cortometraggio “La Torta” di A. Camattini (2012) prodotto da “LaDodiciVideo”.

Colonna sonora originale del cortometraggio “Secondo Piano” di E.Soresini (2013) prodotto dalla Civica Cinema, Milano.

 

 

FORMAZIONE

Italia: Renato D’Aiello, Tullio Ricci, Maurizio Giammarco, Carlo Atti, Bob Bonisolo. Maurizio Caldura (Nel Centro della Musica, Milano). Fabio Petretti (Cons. di Bologna). Riccardo Luppi (Cons. di Parma). Civici Corsi di Jazz, Milano (strumento: Giulio Visibelli, Gianni Bedori – armonia: Franco Cerri, Fabio Jegher, Marco Visconti Prasca).

New York: Walt Weiskopf, Joel Fraham, Marc Mommaas, Melissa Aldana.

Titoli: Laurea triennale e biennale specialistica (entrambe 110 cum laude) conseguita presso il Conservatorio di Parma con il M° Roberto Bonati.

Workshop: Clinics Berklee of Boston, Paul Jaffrey, Barry Harris, Dave Liebman, John Taylor, Gideon Levensohn, Graham Collier, Giorgio Gaslini, Bruno Tommaso, Gianluigi Trovesi.

 

 

 

 

ATTIVITA’ DIDATTICA SVOLTA

 

  • Masterclass University of Aberdeen, Scotland – UK (2016)

  • Parma – Conservatorio A.Boito – Sassofono Jazz (2013-2016)

  • Reggio Emilia – Professional Music Institute (2012-2016)

  • Parma – Modern Music Institute (Trinity College London)– (2008-2016)

  • Parma – Istituto “De La Salle” – (2009-2014)

  • Cadelbosco Sopra (RE) – Scuola Arci (2004-2006)

  • Castelnuovo Sotto (RE) – Scuola Comunale di Musica (2003-2012)

  • Parma – “Ritmika” scuola di Musica (2001-2006)

 

 

 

INCISIONI DISCOGRAFICHE

 

  • Pericopes – “What What” (Unit, 2018)
  • Blue Moka – “BlueMoka feat. Fabrizio Bosso” (Via Veneto Jazz, 2018)
  • Pericopes+1 – “Legacy” (Auand Records, 2017)
  • Sugarpie & the Candyman  “Cotton Candy Club” (Irma Records, 2017)
  • Raimondo Meli Lupi 4et – “1000 Papaveri Rossi” (Ram Records 2017)
  • Ligabue – “Made In Italy (Warner 2016)

  • Pericopes+1 – “These Human Beings” (AlfaMusic 2015)

  • Beppe di Benedetto 5et – “Another Point of View” (Trj records 2015)

  • Pericopes – “Frames” – (Parma Jazz Frontiere 2014)

  • Paul Mad Gang – “Riding with Me” – (Sfem 2014)

  • Izzy and the Catastrophics – “Wine Country. Fried Jazz” – (GMO 2013)

  • Izzy and the Catastrophics – “Live in Parma, Italy” – (GMO 2013)

  • Altare Thotemico – “Sogno Errando” – (MaRaCash 2013)

  • Pericopes – “The double side vol.1 – Lights” (Ram Records 2012)

  • Pericopes – “The double side vol.2 – Shadows” (Ram Records 2012)

  • Izzy and the Catastrophics – “Lucky Dragon Swing Buffet, Lunch” (indie 2012)

  • Beppe di Benedetto 5et – “See the Sky” (Trj records 2011)

  • Open frontiers trio – (MM records 2011)

  • Gianni Cazzola 6et – “The Blakey Legacy” (Music Center 2011)

  • Maria Teresa Lonetti – “La Grande Danza” – (Sciopero Rec 2011)

  • Paolo Di Sabatino – “Voices” (Irma 2011) (feat. Gino Vannelli, Fabio Concato, Gegè Telesforo, Beppe Servillo, Iva Zanicchi)

  • Valentino Tamponi – “Turchese” – (Dodicilune 2011)

  • Hurakan Harakiri – “Kultura del Kantore” – (CdBaby 2011)

  • Antonio Zambrini – Songs from the Procul Harum Book” (Abeat records 2010)

  • B-sharp – “Or just try to” (Kalambur 2010)

  • Francesco Camattini – “Crazy Crisi” (Gaffe ed 2010)

  • Kikkombo – “Freddo freddo” (Trifonica 2009)

  • Andrea Salvini – “Senza Paura” (Sfem/Venus 2009)

  • Gianni Cazzola 5et – “The weekend sessions” (Wmr records 2008)

  • Andrea Salvini – “Non chiedetemi” (Sfem 2007)

  • Cb Band – “Cb Band interpreta Nomadi” (Air studio 2007)

  • Andrea Salvini – “Occhi per sentire” (Novecento 2005)

  • Jazz Art Orchestra – “Drums and JAO” (Trifonica 2005)

  • Valentino Tamponi – “Taphros” (ed. Taphros 2004)

  • Civica Jazz Band – “Italian Jazz Graffiti” (Soul Note 2001) (feat: Franco Cerri, Gianni Basso, Franco D’Andrea, Enrico Rava, Paolo Fresu, Enrico Pierannunzi, Gianluigi Trovesi, Fabrizio Bosso, Pietro Tonolo, Maurizio Giammarco, Tullio De Piscopo, Enrico Intra, Antonio Faraò, Claudio Fasoli, Tiziana Ghiglioni, Franco Ambrosetti, Roberto Ottaviano, Daniele Cavallanti, Franco Ambrosetti, Luigi Bonafede, Paolo Damiani, Marcello Rosa, Giovanni Tommaso)

 

COMPILATION e AUTOPRODUZIONI

 

  • Andrea Tarquini – “Disco Rotto” (Self 2016)

  • Terramadre – “Italia Re-rock” (Ass.Cult. Terramadre 2015)
  • Outlaw Radio Chicago Vol.2 (AA.VV) – (Josh Nutting, 2012)
  • Union Jazz Band – “Union Jazz Band” (feat. Flavio Boltro, Gegé Munari) – (Union Jazz Band 2011)

  • Roberto Bonati (AA.VV) – “Jazz Magazine vol.75” (Emmek 2008)

  • Andrea Salvini (AA.VV) – “Guarda la vita” (Novecento 2007)

  • Roberta di Mario – “Il quarto pedale” (autoprod/2007)
  • Artisti Italiani – “Per Noi” (AirStudio 2007)
  • Razzo & The CocktailPartyConnection (autoprod/2005)
  • P.G. Barigazzi (AA.VV) – “Come quando fuori sogno” (A&B – Non solo musica 2004)

  • Duke Ellingon Trio (AA.VV) – “Accendi la tua luce” (Casa del sole 2004)

  • Red Vinile Group (AA.VV) – “Parma Jazz Frontiere ’09” (amps 2004)

  • Maneki Neko – “Tre lune” (autoprod 2002)
  • Maneki Neko (AA.VV) – “Fuoribase duemila” (youngmusic 2000)

  • Quinto Parallelo – (autoprod/1997)